Progetto Educativo

Il nostro progetto educativo ha  come protagonista il bambino, che viene assunto come:

 

-  competente, cioè  capace e  in grado di vivere da protagonista il proprio percorso di               crescita,  capace di costruire criticamente il proprio sapere .

 

-soggetto di diritti, ossia una persona con caratteristiche uniche e irripetibili, portatore e produttore di cultura.

 

-attivo e curioso, dotato di differenti linguaggi per comunicare, conoscere ed interpretare la realtà, che rielabora e si interroga su ciò che sperimenta.

 

-continuamente in relazione, cioè che la sua crescita sta nelle relazioni, intese sia nei confronti di persone (bambini e adulti) sia nei confronti di contesti o esperienze.

 

Il nido quindi viene inteso come uno spazio (fisico e relazionale) di crescita e scambio, capace di accogliere e dialogare con i bambini e le loro famiglie nella loro unicità,dove il bambino possa sperimentare e sperimentarsi attraverso la modalità principale con cui si esprime, conosce il mondo, e entra in relazione con lo spazio, con le cose, con le persone: il gioco.

  

L’ educatore  ascolta  e osserva  il bambino e il gruppo nel suo fare,  si pone domande rispetto al  modo di giocare e di relazionarsi.

 

Quindi predispone spazi e materiali, e progetta situazioni e esperienze di gioco che possano rispondere agli interessi reali del gruppo di bambini , facendone emergere le curiosità.

 

I tempi , pensati e progettati anch’essi dall’equipe educativa, sostengono  la condivisione e il piacere del “fare” generando nuovi apprendimenti , nuove curiosità e nuove possibilità.